COMITATO PER LA DIVULGAZIONE DELLA FIGURA PITTORICA DI
VOLTOLINO FONTANI


IL COMITATO

Statuto
Organigramma
Recapito

Attivita'
Archiviazione
Eventi e progetti


L'ARTISTA

Biografia
Bibliografia
Gallerie di opere
Rassegna stampa


L'EAISMO

Storia
Manifesto
Rassegna stampa


HOME


BIOGRAFIA E ATTIVITA' ESPOSITIVA


BIOGRAFIA

Voltolino Fontani Voltolino Fontani (Livorno, 1920-1976) inizia a dipingere nel 1936 sotto la guida di Beppe Guzzi e frequenta libere scuole d'arte a Firenze.
Fonda a Livorno e dirige per dieci anni (1947-1957) la Scuola d'Arte "A. Modigliani".
Nel 1948 pubblica il manifesto dell' EAISMO (del quale è ideatore) insieme a Angiolo Sirio Pellegrini, Aldo Neri (pittura), Marcello Landi (pittura e poesia), Guido Favati (poesia).
L'Eaismo, Era Atomica Ismo, coincide con un'esortazione diretta agli artisti, affinché prendano coscienza dei pericoli insiti nell'energia atomica, una scoperta, quest'ultima, "in grado di rivoluzionare la nostra concezione dell'universo" (Manifesto dell'Eaismo, Livorno 1949). Da un punto di vista stilistico l'EAISMO propone il superamento delle avanguardie storiche e una maggiore adesione alle vicende attuali della società e della storia, in sintonia, anzi in anticipo sul percorso nucleare di Dali'.
Nel 1951 Fontani entra a far parte del Gruppo Labronico, l'associazione dei pittori livornesi "della quale rappresentera' a lungo l'anima più progressiva" (Mario Michelucci).
Nel 1966 riceve l'incarico di direttore ed insegnante dei corsi di disegno e pittura presso la Libera Accademia di Belle Arti di Villa "Trossi-Uberti", a Livorno, inaugurando una stagione fertile sotto l'aspetto culturale e artistico.
Da sempre fedele allo studio, dal vero Fontani saprà infatti intuire gli aspetti più innovativi dell'astrattismo e dell'informale, come dimostrano le opere degli ultimi anni, interessate, soprattutto per quanto riguarda il periodo nucleare e le cosiddette bruciature, da sperimentalismi estremi.



ATTIVITA' ESPOSITIVA

Tra gli episodi più significativi dell'attività espositiva dell'artista si devono segnalare la VII e l'VIII Quadriennale d'Arte di Roma (1955,1959); il premio Nazionale di Pittura Nazionale "Maggio di Bari" edizione 1957; la 3a, 4a, 5a, 6a ed 8a edizione del Premio Nazionale di Pittura "Amedeo Modigliani" (Livorno 1957-1967). Partecipa su invito all'XI Biennale Nazionale di pittura "Premio Pontedera" (dicembre 1961); alla IV Rassegna Pisana di Arti Figurative (Pisa, ottobre 1964) e fuori concorso (con Guttuso, Cagli, Attardi, Vespignani) al Premio Nazionale di pittura "ITALIA '44" (Livorno, Casa della Cultura, gennaio 1965); alla 2a e 3a Biennale delle Regioni, Mostra a confronto internazionale (Ancona, 1966-1968). Tra i numerosi premi: 1° classificato Premio Nazionale "M. Borgiotti" per un saggio critico su Giovanni Fattori (Presidente della giuria Ardengo Soffici, Firenze 1952). 2° premio alla I Mostra Nazionale d'Arte Sacra (Livorno 1953). I° premio ex-aequo alla 3a edizione del Premio Nazionale di pittura "Amedeo Modigliani" (Livorno, dicembre 1957). Premio acquisto dell'Amministrazione Provinciale di Roma alla VII Quadriennale d'Arte di Roma (1959). Premio "ILDAS"di Brescia al Premio Nazionale di pittura "CITTA' DI MONTECATINI" (luglio 1961). Premio acquisto e grande coppa d'argento alla I edizione del Premio Nazionale di pittura "S. MICHELE" (Lucca 1963). Medaglia d'oro alla 5a edizione della Mostra Nazionale del Piccolo Formato, conclusiva per gli artisti premiati e segnalati di tutta Italia (Livorno, "BOTTEGA D'ARTE", 23 luglio 1967).

Tra le oltre quaranta mostre personali nelle principali città italiane, sono da citare per importanza: LIVORNO, Bottega d'Arte (1938, 1953, 1958, 1959 1965, 1980, 1982); MILANO, Galleria Piccola Mostra, 1942; FIRENZE, I Mostra dell'EAISMO Casa di Dante, 1949; LIVORNO, Galleria Giraldi, 1952, 1956; LUCCA, Galleria La Pantera, 1956; PISA, Galleria I Galli, 1957; GROSSETO, Galleria Comunale, 1957; LIVORNO, Galleria Cocchini, 1957, 1960; MILANO, Galleria Salvetti, 1960; LIVORNO, Grande Antologica a cura del Comune di Livorno, Casa della Cultura, 1963; GENOVA, Galleria S. Andrea, 1965; ROSIGNANO SOLVAY, a cura della Galleria Comunale, 1965; LIVORNO, Galleria Stefanini, 1968; VIAREGGIO, Galleria La Versilia , 1968; PADOVA, Galleria La Matta, 1968; CASTIGLIONCELLO (Livorno), Galleria La Soggetta 1969; LUCCA, Galleria Palazzo Sani, 1970; LIVORNO, Antologica, Galleria d'Arte Pini 1974; LIVORNO,Grande Antologica promossa dalle Gallerie Goldoni e Athena e patrocinata dal Comune di Livorno, ridotto del Teatro Goldoni La Goldonetta, 2002; FOLLONICA (GR), Pinacoteca A.Modigliani, 2002; LIVORNO, Festa Nazionale de l'Unità, Factory, Premio M. Borgiotti, Percorso inedito curato dal Comitato per la divulgazione della figura pittorica di Voltolino Fontani, 2002; MARINA di PIETRASANTA(LU), Gallerie Goldoni e Athena, La Versiliana, 2002; LIVORNO, 2004, Galleria Giraldi: "Voltolino Fontani alla Galleria Giraldi - Eaismo, Esplosioni Nucleari e Arti Decorative"; LIVORNO, 2004, Effetto Venezia: "Le donne nell'arte di Fontani".

Suoi dipinti figurano in numerose gallerie private, pinacoteche, musei in Italia ed all'estero, tra cui: collezione Van Geluwe (Bruxelles), con opere di Picasso Permeke, Brusselman; in U.S.A., Gran Bretagna, Venezuela, Brasile, Australia, ecc.



Scrivi al webmaster

Comitato per la divulgazione
della figura pittorica di
Voltolino Fontani

tel: 328/8658939 - 0586/813542
email: comitatofontani@supereva.it